Accogliente, artistica, valorizzata da affreschi al soffitto e da affaccio verso scorci tipici ed unici di Roma. Finemente arredata con parquet in legno, profili in boiserie, impreziosita da elementi di design ricercato di firma internazionale, ospita un particolare bagno con doccia realizzato in cocciopesto come da Antica tradizione Romana, isolato da un’elegante parete in vetro fumé.

Cenni Storici

Famiglia di origini modeste, elevata al rango equestre grazie alla fedele militanza nell’esercito romano, i Flavii raggiunsero in realtà una posizione di prim’ordine solamente quando Tito Flavio Vespasiano, generale degli eserciti d’Oriente, divenne imperatore nel 69 d.C., dando inizio ad una nuova dinastia dopo quella Giulio-Claudia.
Dopo un anno di lotte, in cui si erano succeduti ben quattro imperatori, Vespasiano riportò la pace a Roma, consolidando il potere, adottò rigorose misure economiche.
Iniziò la costruzione del Colosseo, inaugurato, poi dal suo figlio e successore Tito nell’80 d.C., passato alla storia per aver distrutto la città di Gerusalemme nel 70 d.C.
A Tito, morto nell’81 d.C., successe suo fratello Domiziano, buon amministratore e promotore di una lunga campagna di lavori pubblici, giustificati non solo dalla necessità di completare quanto iniziato dai suoi predecessori, ma anche di porre rimedio al grande incendio che devastò la città nell’80 d.C. Celeberrimi sono il suo fastoso palazzo sul Palatino e lo stadio oggi noto come Piazza Navona. Sventata la congiura ordita ai suoi danni da Saturnino, accentuò la repressione instaurando un vero e proprio regime di terrore. Con il suo assassinio, nel 96 d.C., ebbe fine la dinastia Flavia.